mercoledì 4 maggio 2016

Recensione: "CRAVING" di Jo Rebel.







Genere: Urban Fantasy
Editore: Golem Edizioni
Collana: Dogma
Pagine: 384
Prezzo ebook: prossimamente
Prezzo cartaceo: € 18,00
Uscita: 12 Novembre 2015







Sinossi:


«Greg, tu davvero avresti potuto continuare a vivere?»
 «Sì. Io sì… Io ho scelto di diventare un vampiro.» 

Gregorio e Victoria sono nati fratelli, e il loro legame è divenuto più intenso quando sono rinati come immortali entrando a far parte della stirpe dei Vlasic. Dopo decenni spesi a viaggiare nel mondo, ritornano a Torino, certi di riprendere con la solita routine che mettono in scena per adattarsi al mondo umano. Vic si iscrive all’università e passa molto tempo con se stessa. Greg trascorre le notti fuori, altalenando tra noia e lussuria. La rabbia però inizia a minare la sua volubile esistenza, mentre una creatura misteriosa lo attacca, facendolo sentire, per la prima volta, debole. Costretti a ripercorrere i ricordi dolorosi del passato, si renderanno conto di come le loro vite siano destinate a modificarsi, trovandosi davanti a scelte di primaria importanza. Entreranno in contatto con degli umani, ma se per Greg il rischio sarà quello di ricadere in un errore già commesso, per Vic questo incontro potrebbe rivelarsi fatale. Avranno bisogno di Domiziano, il loro Creatore, dotato di una saggezza antica, e di Federico, migliore amico di Greg e passata storia d’amore, mai del tutto dimenticata, di Vic. Entrambi saranno fondamentali per venire a capo di ciò che sta minacciando l’eternità dei due fratelli. Gregorio e Victoria arriveranno a dover combattere per continuare a esistere e senza volerlo infrangeranno due delle sacre regole degli immortali: mai rivelare al mondo la tua vera natura senza un valido motivo e senza aver prima valutato le conseguenze, mai farsi coinvolgere da un umano. 
Anche se il tuo cuore cessa di battere non è detto che tu non possa ancora avvertire il potere di un legame, o la rabbia più incalzante.








Inizierò questa mia recensione, sottolineando che questo libro, è decisamente uno dei migliori che abbia letto dall’inizio di quest’anno. E’ letteralmente ipnotizzante, esattamente come i personaggi che al suo interno sono descritti. 
La vicenda si svolge quasi interamente a Torino, e i suoi protagonisti sono i fratelli Gregorio e Victoria Maroncelli (nati Corsini, tuttavia hanno cambiato il loro cognome il giorno della loro trasformazione). Fratelli già prima di divenire quello che sono ora, ossia vampiri, esseri immortali. I due ragazzi sono rimasti incastrati nei loro corpi mortali, da ventenni, e affrontano il mondo umano con le esigenze della loro nuova natura (perennemente accompagnati dalle tenebre). 

"Quello che per gli immortali è indicato con il termine –craving- la brama ardente, la smania che accompagna la mia esistenza da oltre un secolo."

Victoria cerca, suo malgrado di vivere una vita normale, iscrivendosi all’università, leggendo (adora i libri), e persino avvicinandosi a qualche umano. In particolare, sarà un umano, un ragazzo che porterà scompiglio nella sua esistenza.
Non aspettatevi nulla di simile a Twilight, questa volta, la vicenda narrata è a mio giudizio più profonda, c’è uno studio e una ricerca attenta sui contenuti. Ho letto che l’autrice è una giornalista affermata e credo che il suo modo di scrivere ne sia la prova tangibile. Un libro davvero ben scritto. 
Ho molto apprezzato il legame tra i due fratelli, nonostante il fatto che il loro modo di affrontare la vita "eterna" sia così diverso. 

«Nel mio mondo non c’è posto per gli umani e i pochi che lo sfiorano hanno tre possibilità: muoiono, vengono trasformati, ma questa è un’opportunità davvero rara, oppure si limitano a essere dei giocattolini per poche ore» affermai sarcastica. 
«Tu non servi nemmeno per questo.» 
Gli lanciai un conclusivo sguardo derisorio. Fu l’ultima cosa che vide di me. Un vampiro che si è appena nutrito, è già di per sé, l’animale più feroce e micidiale esistente in circolazione. 

Senza anticipare troppo, mi pare d’obbligo sottolineare che le esistenze dei due fratelli vampiri, verranno sconvolte da uno spirito inquieto in primis (una donna la cui fase di trasformazione non è stata completata) e da un nuovo "giocattolino umano" per Victoria, che potrebbe rivelarsi una seria scocciatura. 
La trama scorre veloce, come dicevo, ed è impossibile staccarsi dal libro fino all’ultima riga. L’autrice ha secondo me avuto il merito di utilizzare un argomento un po’ "inflazionato"  negli ultimi anni (l’universo vampiro) attribuendogli però un nuovo e più attento significato. 

"Le vite degli immortali sono segnate. Non siamo le creature romantiche descritte in tanti, troppi film e romanzi. Al contrario...."

A dimostrazione del fatto che l’autrice abbia stilato un lavoro di tutto rispetto, ci sono, in allegato al romanzo, il glossario dei termini usati al suo interno, uno specchietto riassuntivo dei personaggi e infine l’elenco delle canzoni che Jo Rebel ha ascoltato mentre scriveva il romanzo. 
Consigliato a gran voce, in attesa di un seguito.









Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...