giovedì 29 ottobre 2015

Recensione: "SOLO LA TUA VOCE" di A.I. Cudil.




Genere: Narrativa
Editore: Giunti
Collana: Digitaldream
Pagine: 375
Prezzo: € 4,99
Uscita:  9 settembre 2015







Sinossi:
Un romanzo ricco di sentimento e di mistero, con un protagonista indimenticabile: fatevi ammaliare dalla voce di un vero dominatore con una passione segreta per la musica. Dopo Solo il tuo sapore, la Six Senses Spa riapre le porte per raccontare la storia di Diego Ruiz, “l’uomo oscuro”, l’affascinante ex-torero dominatore dentro e fuori l’arena. Segnato da un passato difficile, che ha lasciato misteriose cicatrici nella sua anima e sul suo corpo scolpito, Diego ha ormai imparato a controllare le emozioni – sue e degli altri – e a dosare sapientemente piacere e dolore. Solo di notte, al pianoforte, si lascia andare ai suoi tormenti e alla sua vera passione, la musica. L’incontro con la bella Helena, figlia di Madame Colin, aprirà un varco nella sua dura corazza, ma a che prezzo? Può fidarsi di questa donna che gli ha fatto letteralmente perdere la testa? Quando a pochi giorni dal loro incontro Madame Colin scompare, Helena avrà bisogno di tutto l’aiuto possibile. Ma questa travolgente passione potrà sconfiggere i demoni di Diego? Potrà trasformarsi in un sentimento forte, capace di unire due mondi così lontani? Tra Parigi e Madrid, un romanzo rosa carico di suspense e mistero che vi condurrà lungo i sentieri proibiti dell’eros. Affidatevi all’uomo oscuro e lasciatevi sedurre dalla sua voce.




Finalmente ho avuto tra le mie mani il secondo volume del progetto Six Sense che ha come protagonista l'ex torero Diego Ruiz, detto anche l'uomo oscuro, vista la sua anima tormentata e le sue preferenze sessuali.
Occhi neri, capelli neri, carnagione scura, tutto il lui sembra essere avvolto in una cortina oscura:
”Mi infilo la camicia, pantaloni e giacca di pelle, tutti rigorosamente neri, come si addice a un vero uomo oscuro. Ora è questo il mio abito di scena.”
Il primo capitolo di questa serie ambientata a Parigi aveva per protagonista un giovane chef italiano, Matteo, che aveva lasciato Venezia e si era trasferito a Parigi per entrare nella scuderia del Six Sense come gigolò e poter cosi' “guadagnare” il denaro necessario per aprire un ristorante tutto suo in Italia.
“Solo la tua voce” riprende la vicenda dopo la partenza di Matteo per l'Italia e quindi ritroviamo tutti gli altri membri della scuderia tristi per la partenza del giovane italiano, soprattutto Cedric sembra avere il cuore spezzato, d'altro canto era quello che più aveva legato con Matteo. Ma anche Diego sente la sua mancanza,dopo il loro incontro sembra che in Diego qualcosa sia cambiato nel profondo. Matteo è riuscito a realizzare il suo sogno e ha abbandonato la vita da gigolò, è arrivato per ultimo e se n'è già andato! E Diego è ancora fermo li' a Parigi per poter saldare i debiti lasciati in eredità dal padre.
Ma la sua vita oscura sta per finire, perché è arrivata Helena, la figlia della vera proprietaria del Six Sense, Laura, che ovviamente è all'oscuro dell'hobby della madre, e che farà breccia nel suo cuore. Helena riesce ad affascinare Diego con i suoi capelli castano ramati e gli occhi scuri, tanto che lui stesso dice: “Ha un fisico armonioso, con le curve al posto giusto. Non amo le donne troppo magre, non mi diverto a sculacciare delle chiappe secche.”
Non aspettatevi un cambiamento di gusti e pratiche sessuali nell'intrigante dominatore Diego. Preparatevi perché sarete trascinate dalla sua voce suadente e dal suo pianoforte verso un mondo fatto di sensazioni e alla scoperta della sottomissione e dominazione come stile di vita volto alla protezione e venerazione della persona oggetto di desiderio.
Per Helena è tutto nuovo e cosi' diverso rispetto alle relazioni avute in passato ma c'è qualcosa in Diego che continua ad attirarla verso la sua parte più oscura che prima non sapeva d'avere.
Tra i personaggi già visti appaiono anche nuove figure, come le clienti particolari di Diego e soprattutto misteriosi e potenti personaggi della Parigi oscura e segreta,su tutti il Marchese,che fu il maestro di Diego nella scena BDSM.
Anche la trama è molto più elaborata del capitolo precedente, perché oltre alla parte erotica, c'è una bella fetta di Giallo e Thriller con il rapimento di Laura,la madre di Helena; il padre della ragazza, che nasconde un orribile segreto; e cosa lega il Marchese al passato di Irina, la direttrice del Six Senses? Alcuni misteri saranno svelati,ma molto rimane nascosto, e tanto c'è da raccontare ancora su Jonathan, Sylvie, il nuovo acquisto Yves, e soprattutto il dolce e bi-curioso Cedric, che sta prendendo nel mio cuore il posto che prima aveva Diego!
Sì, perché Diego mi aveva rapita subito come figura già nel primo libro e più di Matteo! Sarà stata la sua aria misteriosa, il suo essere oscuro, il modo in cui suona malinconicamente il pianoforte, forse perché mi affascinano i dominatori e il rapporto che instaurano coi i loro sottomessi, e dove lascio la sua carica animale ed erotica?! Un vero mistero che volevo conoscere! Ho quasi stalkerizzato l'autrice al tempo!!
Ora che ho conosciuto e amato la sua storia, non vedo l'ora di conoscere i retroscena e il futuro degli altri protagonisti, e visto che sono un'amante delle storie m/m spero che l'autrice decida di dare questo verso al futuro di Cedric, perché sinceramente con una donna non ce lo vedo proprio!
Ho letto tutti i lavori di quest'autrice che continua a migliorare di scritto in scritto e spero che il progetto Six Senses continui.
Belle anche le ultime parole che pronuncia Diego alla fine del libro per descriversi, lascio a voi scoprire quale dei sensi sia: Matteo è stato il primo il gusto, e gli altri chi saranno?
Voto finale quattro stelle e tre per la sensualità.




1 commento:

  1. Grazie Michela per la recensione, sono proprio contenta che Diego sia riuscito a essere all'altezza delle aspettative. Avere degli stalker come te è un piacere ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...